#storienostre… Quando dalla strada ricomincia un nuovo cammino: il racconto di una vita nuova

Secondo appuntamento della rubrica mensile #storienostre, uno spazio virtuale dove condividere storie reali di comunità, la nostra.

La storia di Giuseppe (nome di fantasia) comincia un po’ di tempo fa in un quartiere della periferia di Napoli. Neppure il tempo di uscire dall’infanzia che, ad 11 anni arriva l’incontro con gli stupefacenti. La sua vita viene totalmente travolta fino alla condanna per spaccio che lo porta in carcere a Poggioreale.

Giuseppe impara la lezione, grazie all’aiuto di una persona vicina dice addio alle droghe, e prova a ricominciare la sua vita a San Giuseppe Vesuviano, città in cui trova un lavoro e un compagna che sposa e dalla quale ha dei figli. La vita però ha in serbo altro per lui. E infatti Improvvisamente perde il lavoro. Una situazione che lo manda in crisi profonda, tanto che la moglie lo lascia portandosi via i figli. E’ un attimo e Giuseppe si ritrova per strada.

E’ il 2014 e Giuseppe chiede aiuto. La provvidenza lo mette in contatto con il Centro Don Tonino Bello di San Giuseppe Vesuviano. Prima come ospite solo per la notte, poi come ospite h24, “perché piuttosto che stare per strada o seduto ad un tavolino di un bar, ho preferito stare qui, rimboccarmi le maniche, darmi da fare facendo qualunque cosa. Insomma provare a rendermi utile per ridare ad altri quanto mi veniva donato”.

Alla fine, come lui stesso dirà “la Caritas è diventata la mia famiglia”. Giorno dopo giorno, Giuseppe è stato accompagnato, tenuto per mano durante un lungo percorso che lo ha portato a re-inserirsi nuovamente.  E così Giuseppe oggi ha di nuovo un lavoro che gli ha consentito di lasciare il Centro e tornare a vivere da solo. Ma il Centro Don Tonino resta sempre nel cuore e nell’opera di Giuseppe, dove è oramai un punto di riferimento per tanti che hanno perso la loro strada. Ogni giorno infatti continua dare il proprio importante contributo nell’organizzazione della logistica del Centro e non solo, mettendo a disposizione tutta la sua esperienza professionale e di vita pregressa.


« Torna all'elenco