CASA PUOI FARE

Servire significa accogliere la persona che arriva, con attenzione; significa chinarsi su chi ha bisogno e tendergli la mano, senza calcoli, senza timore, con tenerezza e comprensione, come Gesù si è chinato a lavare i piedi agli Apostoli, come il Samaritano si è chinato sull'uomo mezzo morto sulla via. Servire significa lavorare a fianco dei più bisognosi, stabilire con loro prima di tutto relazioni umane, di vicinanza, legami di solidarietà.
"Un fenomeno importante del nostro tempo è il sorgere e il diffondersi di diverse forme di volontariato, che si fanno carico di una molteplicità di servizi. Vorrei qui indirizzare una particolare parola di apprezzamento e di ringraziamento a tutti coloro che partecipano in vario modo a queste attività. Tale impegno diffuso costituisce per i giovani una scuola di vita che educa alla solidarietà e alla disponibilità a dare non semplicemente qualcosa, ma se stessi" (Deus Caritas est, 30b).

Ogni giorno, nei centri d'accoglienza, nelle mense e negli altri servizi della nostra Caritas, tante persone, giovani e anziani, si mettono in fila per un pasto caldo, cercano un posto sicuro dove riposare, sanno di poter trovare parole e gesti di solidarietà concreta. Queste persone ci ricordano sofferenze e drammi dell’umanità. Ma quella fila ci dice anche che fare qualcosa, adesso, tutti, è possibile. Basta bussare alla nostra porta, e dire: “Io ci sono. Come posso dare una mano?”.

 

 

[fonte Caritas Firenze]